(…) I giorni transitano, uno al giorno, e l’impazienza si somma se non arriva un nuovo temporale.
Tutta questa luce è solo l’interminabile attesa di una primavera che non sboccia o non vuole sbocciare, una natura inquieta che si ribella all’acqua che manca.
C’è una pianta sciagurata, simile ai miei pensieri, che non fiorisce ma aggroviglia i rami al suo ombelico incerto sotto il volo dei primi uccelli diretti al nord.
Ecco, mi dico osservandoli: chi manca lo sa sempre (…).

foto: Daniel Plante-Concerto en trois temps

[button link=”http://www.lietocolle.com/cms/?page_id=4631″ color=”orange” size=”small” target=”_self” animation_type=”0″ animation_direction=”down” animation_speed=””]ARCHIVIO[/button]