Agenzia viaggi

Sono l’agenzia viaggi dei morti
per loro organizzo voli nei sogni dei vivi.
A me si rivolgono personaggi famosi, come Eraclito,
per visitare uno scrittore che di lui è innamorato,
ma anche morti meno noti, come un tale, proprietario terriero di Wasily,
che vorrebbe dare alla moglie delle dritte sull’allevamento di conigli.
A volte una famiglia multigenerazionale affitta un charter
e atterra sulla fronte dell’ultimo rampollo.
Ho anche a che fare coi morti ammazzati
che viaggiano spesso nei sogni di chi si è salvato
e fanno la raccolta punti del programma frequent flyer.
Non rifiuto i miei servizi a nessuno
e mi sento in colpa se un giovanotto
per arrivare al sogno della sua ragazza
deve fare scalo nel sogno di una vecchia che russa.
O quando le condizioni atmosferiche obbligano all’atterraggio di emergenza
e il morto telefona: fai qualcosa,
sono capitato nel sogno di un bambino spaventato!
Questi casi sono uno stress e una sfida
per me, che sono un piccolo ufficio dalle grandi ambizioni,
perché anche se non ho accesso al mondo dei morti
e nemmeno ai sogni degli altri
è grazie a me che si incontrano.

 

Nata nel ’79, ha studiato grafica all’Accademia di Belle Arti. Ha pubblicato tre raccolte poetiche: Biuro podrózy (Agenzia viaggi, 2006), Biale krzesla (Sedie bianche, 2012) e Czas i przeslona (Tempo e diaframma, 2013). Nel 2013 ha ottenuto due riconoscimenti molto prestigiosi: il premio Szymborska e quello della Fondazione Koscielski. Ha all’attivo traduzioni di Swift, Hardy, Yeats, Williams. Le sue poesie sono state tradotte in inglese, russo, svedese, tedesco.

 

Quadernario-2016-copertina-piatta-199x280

clicca qui per accedere al catalogo online