Come molti altri che transitano
porta la pena umile
e sulle tempie
un poco dell’amarezza altrui,
il casto trifoglio,
perdutamente l’aureola del tabacco,
le poche lettere con cui coniare
il mio nome.
Cedro nelle sue braccia mi carica l’orizzonte.
Tiene monti smarriti tra le braccia.
Un pugno di mare che lo ha nutrito.
Il cuore così innalza il suo volo.
Un pugno di mare. Mi offre la sete
per accecare l’astio
e i decenni della passione;
piccole conchiglie trasudanti
salgono sulle mie caviglie.
Il grano possiede la chiara essenza.
Si divide in parti equilatere,
perfette
e si offre. È l’anniversario del giubilo.
Mi trema ogni midollo,
mi assalta ponendo un bimbo
azzurro
dietro ai suoi due occhi.
Porta dell’osso il gesto, il cipiglio.
È generoso e rosso. Tinge il giorno
di mestizia
a volte.
Di caglio in quarzo scoppia
e tinge il giorno.
Come nessuno
fra tanti che transitano
un’aria ferrata in oro,
un germoglio alato,
il polline della vita fra le sue corolle
mette sulla mia pelle.
Come nessuno tra tanti che transitano.

Foto: Tracy Martin-Embrace, 2006

Archivio