Dicono tutti:
ah, ma la voluttà del proibito!
Io non capisco.
Io non ho mai cercato che il permesso,
le porte aperte,
le stanze calde
e come arrivare alla stanza del trono.

Per fortuna gli altri non lo sanno,
i cari altri
che tutto possono,
da cui tutto dipende:
io sono peggio del cucciolo che sbrana
il cuscino, la cuccia
se lo lasciano a casa,
io sbrano anche me stessa.

 

da “E io che intanto parlo – Poesie 1990-2015” ed. Marcos y Marcos

 

Archivio