Se ti vorrò bene, potrai
entrare da me senza bussare,
ma rifletti a fondo,
ti farò stendere sul mio pagliericcio
– paglia frusciante respirata con la polvere.
Ti porterò acqua fresca nella brocca
e prima che tu te ne vada pulirò le tue scarpe
qui nessuno ci disturberà,
in pace potrai rattoppare curva le nostre cose.

Il silenzio è un gran silenzio, parlo anche a te se parlo
e se sei stanca ti puoi accomodare sulla mia unica sedia,
se fa caldo puoi toglierti sciarpa e colletto
se hai fame ti dò della carta pulita per piatto
e se c’è dell’altro lasciane allora anche per me, io
pure sono sempre affamato.

Se ti vorrò bene, potrai
entrare da me senza bussare
ma rifletti a fondo,
mi dispiacerebbe se tu poi mi evitassi a lungo.

Foto: Alberto Albani-Riflessi

Archivio