Sei luce in questo giorno, nel digradare
dolcissimo d’autunno: un calore nuovo
ha avvolto ogni mia cosa, intorno
alle tre del pomeriggio:
il pensiero acuto di te ha attraversato – con
incedere di sacerdote
del verde – le navate del giorno in transito.
Sei colore che vive di parola
di silenzio, di presenza
di memoria breve.
Il tuo moltiplicare è mio, è nostro.
Perciò ti bacio sulle labbra
e sul cuore che dimentica
l’estate.

Foto: Gavino Idili-Lights and fog

Archivio