L’uomo converte in cavallo in oca in pesce spada
l’ombra della sua mano
le forme non sono infinite:
la casualità dipende
solo la mente può naufragare
in un’idea portata fino al termine
il che sarebbe un suicidio per allegria:
l’uomo convertito infine in un’altra cosa
simile a niente
e all’apparenza nonostante tutto
un’aria di felice malinconia

Archivio