Non posso dirti il nome di chi amo
vita o morte è la stessa cosa
sangue di Dio o giardino di rose
o cicuta che avvelena la minestra
Tu vuoi sapere troppo e che ti dico?
Mi vuole bene quando siamo a letto
e poi in me rivede la civetta
che dorme in una bolla di sapone

posso considerarmi ancora donna
se candela sull’altare mi consumo
e l’orgoglio sopraffatto dal fumo
mani e piedi muove pupazzetto?

 

……………………………………………….

 

Nde pozze dì u nome de chi ame
vite o morte è la stessa cose
sanghe de Dije o giardine de rose
o cecute c’avveléne a menestre

Tu vuó sapé troppe e cche te diche?
Me vole bbene quanne sime a lliétte
e ppò me torne a vvedé cume a cevétte
ca dorme nda na bbocce de sapone
me pozze cunzederà angóre fémmene
si cannéle sópe a tuare me chenzume
e l’orgoglje sopraffatte da u fume
mane e piede móve pupuazziédde?

 

da  Scurjie (Lietocolle 2005)

a breve in ebook