Il poeta minore con tre dita ad una mano
scrisse:

Dio è avaro. La vita venne sparsa troppo
e per mancanza di igiene.

foto: Giovanni Murtas-La realtà filtrata