Quando il vento fa agitare le tende e rovesciare i fogli, alcuni scelgono di non chiudere le finestre e di non raccogliere nulla dal pavimento. Soltanto, cercano la posizione giusta.«Se una pioggia ti entra in casa, devi riuscire a reprimere il desiderio di metterti a riparo, e questo è importante».

Scende di nuovo la notte uniforme tipica delle città. L’aria fa avanti e indietro nella trachea come stabilito da millenni. Mentre io parlavo di forze atmosferiche, qualcuno parlava di destino.

da “La linea del davanzale” (lietocolle & pordenonelegge 2019)

foto: Dariusz Klimczak-Admirator